bambini e quarantena

I bambini e la quarantena…come stanno vivendo questa epidemia? I bambini assimilano tutto ciò che sentono. Senza aspettare spiegazioni da parte degli adulti, si creano una loro personale idea modificandola e amplificandola, e con essa accrescendo le loro paure.

Come comportarsi?

E’ per questo necessario parlare con i più piccoli, soprattutto adesso in cui si chiacchiera davvero tanto senza avere delle informazioni precise e certe. Non vietate ai bambini di ascoltare televisione e tg, in quanto potrebbeRO avvertire la sensazione che gli stiate nascondendo qualcosa e che quindi bisogna avere ancora più paura.

L’importante è utilizzare fonti ufficiali e telegiornali affidabili; questo anche per offrire uno spunto di dialogo con i propri bambini, facendo loro domande sulla comprensione del momento che stiamo vivendo, dando loro informazioni semplici e chiare.

Chiedere “Ma tu hai capito cosa sta succedendo?” ci fa entrare in collegamento con le loro emozioni, trasmettendo fiducia attraverso un dialogo rilassato che fa capire che di questo argomento ci si può parlare.

Comunicare con i più piccoli e coinvolgerli

Consente inoltre di correggere informazioni inesatte arrivate alle loro orecchie, e spiegargli che non esistono persone più pericolose di altre nella trasmissione del virus (come i cinesi o gli stranieri) e che non si ammalano solo le persone anziane; spiegare ai più piccoli l’importanza delle regole di prevenzione, che possiamo trasformare in un gioco, in complicità con gli adulti, facendoli sentire coinvolti.

Mai fingere!

Per noi genitori sicuramente non è facile trasmettere tranquillità e sicurezza se siamo a nostra volta preoccupati per la salute nostra e dei nostri cari. Dobbiamo imparare a gestire l’ansia ed evitare di trasmettere maggiori preoccupazioni ai nostri figli.

Che sia chiaro…mai fingere, ma essere sempre chiari e dire la verità. Parlare del momento difficile ma che ognuno di noi deve fare la propria parte affinché passi in fretta, e avere fiducia e gratitudine per tutti coloro che stanno lavorando per curare le persone e sconfiggere il virus.

Trasmettere quindi che dobbiamo fare il possibile per rispettare le regole e che se lo facciamo tutti, torneremo presto alla vita di prima. Bambini e quarantena…facciamo vivere loro questo periodo particolare il più possibile con serenità e ottimismo; troviamo nuovi modi per mantenere le relazioni anche a distanza, facendoci aiutare in cucina con la preparazione di dolci, riscoprendo giochi accantonati o inventarne di nuovi.